Articoli

AZIENDE E INTERNET: L’EVOLUZIONE DELLA SPECIE

Imprese, formazione, Facebook & Co.

Sono quasi dieci anni che collaboro stabilmente con un’agenzia di comunicazione di Pescara, la Ludago, fondata nel 2000 da Luigi D’Agostino. Al suo interno ho un mio ufficio e, spesso, mi capita di accogliere i principali clienti con i quali gestiamo progetti di marketing e comunicazione. Da alcuni anni, sempre più imprenditori e responsabili aziendali, nell’esprimere le loro esigenze, fanno un continuo riferimento all’impiego dei socialnetwork e, in particolare, di Facebook. Personalmente, nelle riunioni per definire le strategie dell’agenzia, ho sempre espresso le mie perplessità relativamente all’ipotesi di assumere “in toto” (o quasi) la gestione, sui social media, delle pagine aziendali dei clienti. Seppur contro gli interessi dell’agenzia e, quindi, contro anche i miei, non posso, infatti, smentire la mia esperienza e la mission stessa del marketing che cerco sempre di trasmettere ai clienti.

consulenza marketing

Il vero marketing, infatti, consiste nello studio, nella ricerca dei metodi e degli strumenti aziendali in grado di permettere un miglioramento continuo della redditività, garantendo, quindi, un futuro alla propria attività; strumenti e metodi che devono essere indagati cercando sempre di costruire e trasferire ai clienti, attraverso prodotti e servizi, un valore reale e riconosciuto. E se fossi proprio io il primo a non seguire questa strada, non riuscirei più a dedicare, con la stessa passione e la stessa volontà di crescita, tante ore al mio lavoro. Ma, soprattutto, quanto potrei essere credibile nelle mie attività di consulenza? Perciò, per onestà intellettuale e per problemi di coscienza, non posso far finta di dimenticare delle opinioni che, con diverse esperienze, ho maturato relativamente alla gestione di pagine aziendali sui socialnetwork.

Tutti i giorni, tutto il giorno

Innanzitutto, affinchè l’utilizzo di una pagina aziendale, su di un socialnetwork, sia in grado di iniziare a generare dei risultati di ritorno, è necessario gestirla in maniera continua, quotidiana. Per attrarre l’attenzione dei potenziali clienti, per cercare di comunicare i valori della propria attività e della propria offerta di prodotti e servizi, occorre essere presenti, in maniera costante, con dei “contenuti”, pubblicando non solo i riferimenti delle proprie proposte commerciali, ma anche, e forse soprattutto, informazioni, notizie, approfondimenti, inerenti il proprio settore, la propria specializzazione, i propri mercati e così via. E tali contenuti devono essere di qualità, quindi occorre studiarli e scriverli in maniera appropriata, selezionare delle fonti attendibili, verificare le notizie, indagare le innovazioni ecc. Inoltre, occorre essere sempre pronti e tempestivi per rispondere a eventuali commenti, richieste di informazioni, recensioni e alle altre possibili forme di interazione, utili anche per ascoltare i propri clienti, cogliere nuove esigenze e tendenze. Non si può, ad esempio, aprire una pagina aziendale su Facebook, fare delle campagne sponsorizzate, quindi portare potenziali clienti sulla propria pagina, per poi accoglierli con, in bella vista, delle recensioni come il caso che vi mostro:

Facebook

Avere una pagina aziendale su di un socialnetwork, dunque, significa avere del tempo e delle risorse da dedicargli, e svolgere delle attività che, per essere efficaci, richiedono una conoscenza del settore di appartenenza che solo chi ci lavora giorno per giorno può avere. A parte per alcune particolari expertise (in quei settori in cui si lavora più frequentemente), all’interno di un’agenzia di comunicazione di piccole dimensioni non si può avere il personale in grado di “muoversi” con competenza nei diversi mercati di tutti i possibili clienti, a meno che, di questi, non se ne abbiano davvero pochi. E anche nel caso in cui ci fossero tali competenze, per tutto il tempo e l’impegno necessari per gestire la pagina “social” del cliente, tale servizio quanto dovrebbe essere pagato per soddisfare entrambi? Inoltre, se gran parte di questa gestione venisse messa nelle mani di un’agenzia, una volta che il rapporto di collaborazione dovesse terminare (e prima o poi accade sempre), di tutti i soldi spesi mensilmente per pagare il servizio e di tutta l’esperienza fatta con la pagina “social” cosa resterebbe all’azienda? Può essere, questa, un’ipotesi strategica accettabile, soprattutto se consideriamo che il ruolo di questi canali legati al Web sembra essere sempre più caratterizzante il futuro delle aziende?

dna

Buonasera Signor Darwin

Per questi motivi ritengo che, negli ambiti del Social Media Marketing e, in generale, del Web Marketing, il ruolo di un’agenzia di comunicazione, per il bene del cliente (e, quindi, per il bene della stessa agenzia), deve essere impostato su altre basi. Innanzitutto, l’azienda deve avere al suo interno una risorsa a cui assegnare la responsabilità e, soprattutto, il tempo (e un budget minimo) per gestire tali attività. L’agenzia si assume il compito di formare la risorsa e di elaborare le soluzioni creative (visual e copywriting) per allestire la pagina e per le specifiche iniziative (post sponsorizzati, landing page, eventi virtuali ecc.). In questo modo, con il passare del tempo, il rapporto tra l’agenzia di comunicazione e il cliente esprime le capacità per arricchire il DNA, e quindi le possibilità di sopravvivenza, di entrambi. Da un lato, infatti, l’agenzia può destinare tutte le energie in quelle attività, come la creatività e la consulenza strategica, che caratterizzano e valorizzano il suo ruolo; dall’altro, la risorsa aziendale diventa sempre più autonoma nelle specifiche responsabilità gestionali; e, soprattutto, l’azienda sviluppa al suo interno una competenza importante per poter guardare con maggiore serenità e fiducia al suo futuro.

 

Licenza Creative Commons
I contenuti del sito www.bluexplore.it sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Protected by Copyscape