Articoli

ITALIA BATTE RESTO DEL MONDO 3 A 0

Il genio e il design italiano vincono sempre.

Uno degli articoli più letti della famosa rivista internazionale Wired, è dedicato alle tendenze che, da diverse ricerche, sembrano caratterizzeranno i modi di vivere il futuro e, quindi, le innovazioni che troveranno maggiore diffusione nella vita di tutti i giorni. Al centro di queste ricerche emerge il desiderio di vivere, e lavorare, in spazi in grado di coniugare il più possibile le esigenze di un lavoro sempre più “nomade” con un ritorno a un contatto diretto con la natura e con gli ambienti capaci di restituire una qualità di vita adeguata e “illuminante”.

“Se essere produttivi significa farsi venire delle idee, non servono studi approfonditi per capire che la fabbrica intellettuale sarà sempre più simile a un genius loci. Largo allora a soluzioni che mettano insieme adattabilità alle nuove tecnologie, bioedilizia e flessibilità, ma anche quella dose di intimità domestica e comodità rispetto agli impegni familiari.

“Il must è trovare soluzioni agili che permettano di essere circondati da alberi, prati, e magari avvistare il mare.”

Di seguito, vengono indicate quelle che potrebbero essere delle strutture capaci di soddisfare queste esigenze e, quindi, di caratterizzare le evoluzioni dei corrispondenti mercati. Si parla per esempio di Glamping, ovvero di strutture simili a bungalow, ma con un’anima verde e un design di lusso.

“Nate come espressione dell’ospitalità leggera ma esclusiva, questo tipo di spazio è oggi interpretato anche come possibilità lavorativa.”

 

luxury marketing

 

 

Sono diversi, dunque, gli operatori internazionali del settore che si stanno cimentando nel disegno e nella realizzazione di “prodotti” mirati per soddisfare queste esigenze, cercando di aprire nuovi segmenti di mercato molto redditizi proprio perchè in sontonia con quelle nuove generazioni (nativi digitali) che sembrano chiamati a dettare i nuovi stili di vita e di lavoro, dettando il paradigma futuro del benessere.

Se non fosse che, come sempre, in fatto di soluzioni capaci di integrare design, eleganza, funzionalità, gli italiani arrivano prima di tutti gli altri.

Sono diversi anni, infatti, che curiamo la comunicazione di alcuni nostri collaboratori che hanno studiato e realizzato delle innovative strutture tese a rendere disponibili spazi in cui poter vivere e lavorare ristabilendo un contatto diretto con paesaggi, odori, rumori (e silenzi) di quella natura da cui proveniamo. Un contatto vero e sincero, proprio perchè garantito attraverso vari sensi (vista, udito, tatto ecc.) e che, perciò, si rivela adatto ad ampliare il tempo di “immersione” in ambienti in grado di restituirci quella qualità di vita che, troppo spesso, siamo costretti a sacrificare.

 

luxury marketing

 

La mente visionaria dell’Architetto Giovanni Giobellina, insieme alle capacità pratiche del Direttore Operativo Andrea Scandali, hanno permesso il disegno e la realizazione di questi spazi modulari, attraverso delle soluzioni tecniche e tecnologiche frutto delle esperienze e del know how italiano nei campi della ricerca dell’industria nautica. Esperienze che garantiscono soluzioni all’avanguardia in termini di materiali, durabilità ed efficienza strutturale, attraverso l’applicazione delle progettualità sviluppate per la produzione di Yacht della cantieristica italiana.

 

marketing luxury01

 

Un “outdoor design” che restituisce una formula di spazio e tempo in cui si apre una nuova idea di (condi)visione, in grado di armonizzare dimensioni, di solito, sacrificate in nome delle destinazioni d’uso, delle localizzazioni e delle necessità funzionali e di comfort. Un modulo abitativo e altamente flessibile, in grado di “costruire”, in base a qualsiasi misura ed esigenza, nuove qualità ed esperienze di vita.

Bianco, per esprimere un tono in grado di adeguarsi ai colori di qualsiasi sfondo (di terra e di mare) e, soprattutto, integrarsi nella natura senza umiliarne i tratti.

Bianco, perchè questo è il colore del design destinato a durare nel tempo, in cui l’estetica delle linee, delle forme, del “messaggio”, viene lasciata esprimersi con tutto il suo valore, senza interferenze e artifici.

Un progetto che nella sua genesi, e grazie alla ampia portata delle soluzioni concepibili, ha dimostrato subito le potenzialità di aprire nuove prospettive che, dagli ambiti iniziali del Luxury e Retail Design, trovano occasioni di diffusione in tutti i “territori” dell’outdoor living.

La nostra agenzia ha avuto il compito, innanzitutto, di dare un nome al progetto. Un nome che è stato deciso in “Horizone“, parola costruita attraverso l’unione di due termini in grado di esprimere in maniera immediata le anime che si intendono (ri)mettere al centro. Una, con riferimento al termine “horizon”, che accende il richiamo al paesaggio e, quindi, alla visione aperta, senza confini e senza limiti; al contatto vero e diretto che, grazie alla percezione visiva, costruisce nuove dimore in cui spirito e natura possono convivere con un legame più continuo. L’altra, con riferimento al termine “zone”, che richiama il concetto di spazio, di area definita, attrezzata e adeguata a svolgere le proprie attività.

horizone

We all live under the same sky, but we don’t have the same horizon.”

(Konrad Adenauer)

 

Scarica  la brochure Horizone in formato pdf:

download pdf

 

 

Riferimenti e risorse Web:

Horizone – clicca qui per visitare il sito Internet→

Articolo di Wired: Garden Office, le casette in giardino per produrre di più clicca qui per leggere l’articolo→

 

 

Licenza Creative Commons
I contenuti del sito www.bluexplore.it sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Protected by Copyscape